Vai al contenuto
La Novella Orchidea

Com’è andata l’editoria italiana quest’anno

Siamo ormai giunti quasi alla fine di questo 2023, un anno di transizione per l’editoria digitale. Da una parte, dati e riferimenti che confermano la sostanziale tenuta del settore. Dall’altra, luci e ombre su un futuro ancora da scrivere e definire. Ma andiamo con ordine.

L’editoria italiana tiene: i dati dell’AIE

A ottobre, in occasione della Buchmesse di Francoforte, l’AIE ha presentato i dati sull’editoria nel nostro Paese. Il giro d’affari nel 2022 è arrivato a 3,4 miliardi di euro, 300 milioni di euro in più rispetto al 2019. Una crescita importante, che colloca l’editoria italiana al quarto posto in Europa come valore sul venduto, dietro a Germania, Regno Unito e Francia.

Nel 2022 sono stati pubblicati 83.950 nuovi titoli a stampa, in leggero calo rispetto al 2021 (-1,5%). Il catalogo offerto è di quasi 1,4 milioni di titoli, trainato soprattutto dalla crescita dell’online. Le copie totali vendute da gennaio a settembre sono pari a 69,9 milioni, 1 milione in meno dell’anno scorso, ma 9 milioni in più rispetto al 2019. 

Ma quali sono le abitudini degli italiani? Per quanto riguarda i circuiti di vendita, continuano ad essere preferite le librerie fisiche, che superano la metà degli acquisti (53,9%), ma sempre più insidiate dall’online (41,3%), con la GDO sostanzialmente ferma (4,8%).

I lettori sembrerebbero collocarsi in una fascia ampia e articolata. Come dato generale, secondo il report di Pepe Research per AIE, il 71% dei cittadini tra i 15 e i 74 anni ha dichiarato di aver letto almeno un libro (cartaceo o eBook) o ascoltato un audiolibro negli ultimi 12 mesi. Il campione, come si è detto, è piuttosto variegato e vede la percentuale dei lettori al 90% nella fascia 15-17 anni, 89% nella fascia 18-24, 79% nella fascia 25-34, 78% nella fascia 35-44, 66% nella fascia 45-54, 59% nella fascia 55-64 e 63% nella fascia 65-74. Per quanto riguarda il tempo di lettura, solo il 21% dei lettori legge più di 5 ore alla settimana, anche se un ulteriore 16% si colloca nella fascia 3-5 ore e le percentuali sono sostanzialmente omogenee anche nelle tempistiche minori. Cresce invece nettamente il numero di editori, indipendenti e non. Le case editrici attive nel 2022 che hanno inserito almeno un titolo nella banca dati dei libri in vendita superano quota 5.000. 

Il report di Kobo: TikTok protagonista

Dati interessanti anche sul fronte del Kobo Book Report 2023. 1.800 è un numero piuttosto impressionante e corrisponde agli anni trascorsi dagli italiani in lettura (e audiolibri) dal mese di gennaio. Inoltre, alcuni periodi dell’anno e della giornata si sono dimostrati più “amici della lettura”. Ad esempio, il mese in cui gli italiani hanno letto di più è agosto, seguito da luglio e gennaio. Per gli audiolibri, invece, il mese d’oro è maggio, mentre sia libri che audiolibri condividono lo stesso giorno della settimana preferito, la domenica. Analizzando più nel dettaglio la giornata, il tempo dedicato alla lettura è tendenzialmente superiore verso sera, prima di andare a letto. Per quanto riguarda i generi in evidenza, il True Crime è il protagonista, con una crescita del 280% rispetto al 2022, seguito dalla narrativa Young Adult, in crescita del 94%.

Ma oltre ai numeri, dal report emerge chiaramente il ruolo cruciale dei social nella scelta dei titoli di lettura, soprattutto fra il pubblico più giovane. E naturalmente è TikTok il protagonista, con l’hashtag #BookTok che rappresenta una sotto-community in costante crescita, in cui i creator recensiscono libri e creano contenuti relativi alla lettura. Per dare un po’ di cifre sul nostro Paese, l’hashtag #booktokitalia ha superato il miliardo di visualizzazioni. Oltre a promuovere titoli emergenti, TikTok si è dimostrato anche uno strumento molto efficace nel riportare in auge titoli del passato. 

Previsioni per il 2024

Insomma, l’editoria digitale cresce e si sviluppa e i social sembrano sempre di più uno strumento fondamentale per quella che è la prima industria culturale italiana. Cosa ci si aspetta dal 2024? Difficile a dirsi, anche se probabilmente il mercato tenderà a consolidarsi sui medesimi indicatori di quest’anno. Continuerà la crescita del mercato online a scapito di quello fisico e gli audiolibri giocheranno ancora un ruolo importante. Game changer all’orizzonte? Per il momento no.

Dopo una lunga esperienza nella gestione dei forum e un'esperienza editoriale triennale a tutto campo in una redazione digitale, gestisco da nove anni la promozione della collana digitale "La Novella Orchidea".

Articoli correlati

Ha ancora senso un eBook Reader?
Mondo digitale 26/10/2023

Ha ancora senso un eBook Reader?

il-futuro-dell-ebook-accessibile
Mondo digitale 12/08/2023

Il futuro dell’eBook accessibile

Editoria in crisi irreversibile?
Mondo digitale 05/05/2023

Editoria in crisi irreversibile?

Vuoi leggere di più?
Con la nostra newsletter riceverai tutti gli aggiornamenti sulle ultime pubblicazioni e sulle promozioni che riserviamo ai lettori e alle lettrici de La Novella Orchidea.
Iscriviti